Appello dei lavoratori dell’Abramo C C ai crotonesi: “Uniti, possiamo fare la differenza”

fonte: WeSud

I lavoratori dell’Abramo Customer Care, consapevoli della grave situazione che minaccia il loro posto di lavoro e l’economia locale, hanno lanciato un accorato appello alla cittadinanza. “Il tempo è ormai quasi scaduto, ma non intendiamo rassegnarci e neanche arrenderci. Non vogliamo e non possiamo farlo”, hanno dichiarato con determinazione. Questa lotta non riguarda solo la salvaguardia di 500 posti di lavoro, ma anche la sopravvivenza economica e sociale dell’intera provincia.

L’importanza della questione non può essere sottovalutata. La perdita di così tanti posti di lavoro avrebbe effetti devastanti su tutta la comunità. “Perdere 500 posti di lavoro qui equivale alla morte economica e sociale di tutta la provincia. È per questo che questa lotta ci deve vedere uniti: vi chiediamo di essere con noi!”, hanno esortato i lavoratori.

In un gesto simbolico e di protesta, i lavoratori hanno iniziato a raccogliere le tessere elettorali. “Uomini e donne senza lavoro sono senza dignità e senza futuro, e quindi privi di reale ‘cittadinanza’. Rimettiamo nelle mani del Prefetto, e quindi dello Stato, il nostro diritto/dovere di cittadini, perché sentiamo di esserne stati già di fatto privati”, hanno spiegato.

Il punto raccolta per le tessere elettorali è stato predisposto nell’atrio dell’azienda nella mattinata di oggi, lunedì 3 giugno, mentre a partire da questo pomeriggio si sposteranno in Piazza della Resistenza, dove saranno allestiti alcuni gazebo.

I lavoratori dell’Abramo hanno lanciato un appello a tutta la cittadinanza, alle associazioni di categoria, ai comitati e a chiunque abbia a cuore il futuro del territorio. “Invitiamo tutti a stare con noi in questa lotta. Uniti possiamo fare la differenza!”

La crisi dell’Abramo Customer Care rappresenta un momento critico per tutta la comunità locale. La mobilitazione dei lavoratori e il loro appello alla solidarietà sottolineano l’importanza di unire le forze per affrontare questa sfida. È una chiamata all’azione per salvare non solo posti di lavoro, ma anche la dignità e il futuro della provincia.

 

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top