Crisi Abramo, i sindacati: “Proposta di acquisto fumosa, clausola sociale la vera soluzione”

fonte: CrotoneNews

Si è svolto in data odierna, presso il Ministero del Made in Italy il primo incontro per esperire la procedura di esame congiunto ex art.47 legge 428/90 per il trasferimento del complesso aziendale di Abramo CC in AS a favore di una NEW.CO partecipata per il 30% della Enosi Holding s.r.l. e dalla Steel Telecom s.r.l. al 70% rispetto ad un ramo di azienda parziale per la clientela business di Tim contratto N: 0439157-P che riguarda 90 operatori e 14 team leader oltre a 125 collaboratori a progetto a fronte di un perimetro totale di circa 347 lavoratori adibiti sulla medesima commessa.

A questa offerta vincolante si aggiunge la possibilità di un’offerta integrata da estendere a tutti i 347 lavoratori della commessa business, ove TIM S.p.A prorogasse i termini del medesimo contratto attualmente in scadenza il prossimo 30 giugno per 24 mesi. La NEW.CO, inoltre, propone l’acquisto dell’azienda MICS s.r.l. e della controllata TELEDICO s.r.l. site nella sede di Catania. Nella fase di premessa è intervenuta la commissaria straordinaria, l’Avv. Federica Trovato e successivamente un esponente della NEW.CO che ha presentato i progetti futuri della stessa società oltre a descrivere gli ambiti dove la stessa opera.

La delegazione sindacale ha espresso forti dubbi e perplessità sul metodo e sul merito della stessa procedura, ritenendola sicuramente “anomala”, tenuto conto che l’amministrazione straordinaria scadrà il prossimo 8 agosto 2024 ed in considerazione della scadenza dei contratti Tim il prossimo 30 giugno.

Notevoli dubbi sono rappresentati, tra l’altro, sull’individuazione del perimetro dei lavoratori che operano sulla commessa Tim Business oggetto dell’offerta di acquisto, non ultimo le sedi oggetto del ramo, oltreché le deroghe economiche e normative che l’offerta stessa presenta poiché interviene sulla riduzione dei profili orari (part time a 4 ore) e sull’eliminazione degli scatti di anzianità dei lavoratori interessati. L’informativa nell’ambito della procedura di conferimento di ramo d’azienda si è aggiornato al prossimo 17 giugno.

Le Segreterie nazionali alla luce di quanto emerso nel confronto odierno considerano la proposta di acquisizione, non solo confusa dal punto di vista procedurale, ma molto fumosa per quel che concerne la sostenibilità e la concretezza del piano industriale rappresentato. Le Segreterie nazionali, nel richiamare a responsabilità il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, in particolare rispetto agli impegni assunti al tavolo di confronto dello scorso 26 marzo 2024, alla presenza dei Ministri Urso e Calderone, del Presidente della Regione Calabria Occhiuto, da parte della committenza Tim. In quella occasione Tim, dichiarò la disponibilità a prolungare i volumi e i flussi delle commesse a tutti gli outsourcers, in particolare alla azienda Abramo in AS, per dare tempo alla realizzazione di un progetto di digitalizzazione della PA tra Regione Calabria e TIM, con il pieno sostegno del MIMIT. Che fine ha fatto quel progetto?

Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni chiederanno

urgentemente al MIMIT aggiornamento del tavolo di crisi per la vertenza Abramo CC, attraverso il

coinvolgimento di tutti gli attori coinvolti, anche Tim, in questa annosa vicenda.

La soluzione della vertenza è molto semplice ed a portata di mano. Nelle more di quanto previsto dalla

legge, favorire il cambio di appalto delle attività ancora in forza ad Abramo CC in AS, ed applicare la

clausola sociale, strumento che ha già messo in sicurezza negli anni precedenti oltre 3mila lavoratrici e

lavoratori di Abramo CC. Soluzioni fumose, parziali e che passano attraverso la riduzione di diritti e

salari non troveranno certamente il favore del sindacato.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top