Crotone: barriere artificiali contro la pesca a strascico e per il ripopolamento marino. Siglati due protocolli

fonte: WeSud

Il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, ha firmato due protocolli d’intesa con le associazioni Kroton Apnea Onlus e Gaia Onlus per la realizzazione di barriere artificiali contro la pesca a strascico e il ripopolamento della fauna ittica.

L’iniziativa, promossa dall’assessore all’Ambiente Angela Maria De Renzo, si inserisce nell’ambito degli obiettivi di tutela della natura e degli ecosistemi, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile. Le due strutture interesseranno i siti di importanza comunitaria “Area Marina Protetta confini sud e nord” e “Fondali di Gabella”.

Le barriere artificiali:

Contrasteranno la pesca a strascico, uno dei metodi più distruttivi e non selettivi che danneggia sia la fauna esistente che i fondali marini.
Favoriranno il ripopolamento marino, creando nuove aree di rifugio per molte specie marine.
Aumenteranno la biodiversità marina, sfruttando il fenomeno del tigmotropismo, secondo il quale qualsiasi manufatto immerso in mare si ricopre in breve tempo di organismi sessili dove molte specie ittiche trovano dei rifugi sicuri.
Le caratteristiche delle barriere:

Composte da moduli di cemento armato di 12 tonnellate che, grazie al loro peso, bloccano le reti a strascico che vi incappano.
Saranno posizionate a una profondità tra 10 e 15 metri, a circa un miglio di distanza dalla costa.

Il progetto della Kroton Apnea prevede il posizionamento di sei strutture composte da più moduli: tre verranno posizionate nella zona dell’Irto e tre nell’area di Praialonga.

Per il progetto dell’associazione Gaia sarà realizzato a Gabella una sorta di serpente marino di 30 metri composto da due strutture antistrascico di più moduli.

I benefici:

Tutela della biodiversità marina
Ripopolamento dei fondali marini
Sviluppo sostenibile
Promozione di pratiche di pesca più ecocompatibili

L’assessore De Renzo ha dichiarato: “L’adesione ai protocolli si inserisce nell’ambito degli obiettivi orientati alla tutela della natura e degli ecosistemi, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile. Questi progetti rappresentano un passo importante nella direzione della salvaguardia del nostro mare e della promozione di una pesca più rispettosa dell’ambiente.”

Si tratta di un progetto innovativo che può contribuire a valorizzare il patrimonio ambientale di Crotone e a promuovere un turismo più sostenibile.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top