Crotone, divieto di balneazione: revocata l’ordinanza

fonte: CrotoneNews

Vista la propria ordinanza n. 192 del 13.06.2024 con la quale è stata interdetta temporaneamente la
balneazione nei punti:

  1. Lido Tricoli – ID IT018101010007;
  2. Di fronte Cimitero – ID IT018101010009.
    Vista la nota dell’ARPACAL – Dipartimento Provinciale di Crotone, del 19.06.2024, prot. 20974, con la quale sono stati trasmessi i risultati delle analisi effettuate a Crotone il 18/06/2024…….. “… dalle analisi eseguite sul campione di acqua di mare prelevato a Crotone il 26 giugno u.s. è stata riscontrata la non conformità per parametro Escherichia coli con valore superiore a quello previsto dalla normativa vigente, presso la seguente stazione di monitoraggio”:
    Ritenuto, pertanto, alla luce di quanto sopra, di poter revocare il divieto di balneazione disposto con ordinanza n.192 del 13.06.2024 nei tratti di litorale di seguito indicati:
  3. Lido Tricoli – ID IT018101010007;
  4. Di fronte Cimitero – ID IT018101010009.
    Ritenuto altresì, di non dover procedere alla comunicazione di avvio del procedimento ai sensi dell’art.7 della legge n. 241/90 data la necessità e l’urgenza dell’ordinanza emessa a tutela della salute pubblica;
    Visti:
  • il D.Lgs 30 maggio 2008, n.116 e in particolare l’art. 5, comma b); – il D.M. 30 marzo 2010;
  • l’art. 50 del D.Lgs. 267/2000;
  • lo Statuto Comunale; ORDINA
    Di revocare il divieto temporaneo di balneazione n. 192 del 13.06.2024 relativo alle aree denominate Lido Tricoli e Di fronte Cimitero, sulla scorta degli esiti analitici favorevoli comunicati da ARPACAL.
    DISPONE
  1. di notificare la presente ordinanza a tutti i concessionari dei lidi balneari dei tratti di spiaggia coinvolti dall’inconveniente igienico sanitario;
  2. di trasmettere il presente provvedimento ai seguenti Enti ed Organi, per quanto di rispettiva competenza:
    ● Ministero della Salute
    ● Prefettura di Crotone- Ufficio Territoriale del Governo;
    ● Regione Calabria – Dipartimento Ambiente e Territorio;
    ● Arpacal- Dipartimento Provinciale di Crotone;
    ● Asp Crotone- Dipartimento Igiene Ambientale;
    ● Agenzia del Demanio Direzione Regionale della Calabria;
    ● Capitaneria di Porto di Crotone e altre Forze dell’Ordine;
    ● Comando Polizia Locale
    Avverso al presente provvedimento è ammesso il ricorso al TAR Calabria entro 60 giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio comunale e ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro il termine di 120 giorni sempre decorrenti dalla data di pubblicazione.
    Responsabile del procedimento Il Sindaco
    f.to Arch. Dominijanni Elisabetta Antonia f.to Ing. Vincenzo Voce

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top