Crotone: Due nuovi defibrillatori donati dal Rotary Club per una città più sicura

fonte: WeSud

Grazie alla generosa donazione del Rotary Club di Crotone, la città di Crotone ha acquisito due nuovi defibrillatori. Uno di questi è stato installato presso la Posta Centrale, mentre l’altro è stato collocato presso “L’Insolito” sul lungomare cittadino.

La formazione per il corretto utilizzo dei defibrillatori è stata curata dalla Simeup Crotone, assicurando che la comunità sia ora più sicura e preparata in caso di emergenze. Inoltre, l’amministrazione comunale ha annunciato che ulteriori defibrillatori saranno installati nei prossimi mesi negli impianti sportivi che verranno riqualificati e realizzati nei vari quartieri della città. Questa iniziativa rappresenta un passo significativo verso la promozione della sicurezza e della salute pubblica a Crotone.

Gianluca Romanò, presidente del Rotary Club di Crotone, ha dichiarato: “Come Rotary Club abbiamo consegnato e donato due defibrillatori che fanno parte del progetto ‘Crotone Città Cardioprotetta’. I defibrillatori sono stati installati in punti nevralgici della città: uno nel piazzale delle Poste e uno davanti a ‘L’Insolito’. È importante avere questi dispositivi in città perché possono salvare vite umane. È altrettanto importante la formazione per il loro utilizzo, per questo abbiamo organizzato due corsi di formazione per tutti gli operatori sul lungomare e quelli vicino all’ufficio postale. Abbiamo formato la gente per permettere un corretto utilizzo della macchina. Questo fa parte di un progetto finanziato dalla Rotary Foundation e da privati che hanno sposato il nostro progetto. All’evento ha partecipato anche il sindaco Voce, che ci ha ringraziato e informato che a questa donazione seguirà una mappa che illustrerà tutti i defibrillatori installati nella nostra città. Privati e società come Mamido, e altri club Rotary come quelli di Severina, Cirò, San Giovanni e il Rotaract dei giovani hanno contribuito economicamente al progetto. Ringrazio inoltre la Simeup di Crotone che ha tenuto i corsi di formazione di fondamentale importanza.”

Michele Lucente del gruppo Lucente, insieme a Mamido, protagonisti della donazione, ha aggiunto: “Abbiamo accolto con grande piacere la richiesta del Rotary di partecipare con un contributo alla realizzazione di questa iniziativa. Il nostro contributo passa in secondo piano; ciò che è veramente importante è il gesto del Rotary nel donare il primo defibrillatore installato in una posta italiana, un gesto molto importante per i nostri cittadini. Mi auguro che si possa mappare tutta la nostra città. Si tratta di un progetto importante, e se pensiamo che dietro una piccola scatola c’è una possibilità di vita per un nostro concittadino, questo giustifica ogni piccolo impegno da parte nostra. La collaborazione e l’impegno degli imprenditori possono cambiare il volto della città. Gli imprenditori sono stati sempre disponibili verso la città e a intervenire con le istituzioni e con il mondo associativo. Questa è una grande famiglia che si muove con il contributo di tutti.”

Giovanni Capocasale, direttore della Simeup di Crotone, ha sottolineato l’importanza della donazione: “Si tratta di una donazione molto importante poiché cambia uno degli aspetti della città, migliorando il problema della salute pubblica nelle strade. Purtroppo, segnaliamo numerosi arresti cardiaci e spesso, per motivi organizzativi, l’ambulanza ha i suoi tempi tecnici per arrivare. Se troviamo un defibrillatore per strada e personale qualificato certificato da noi, possiamo intervenire immediatamente non solo con le manovre di rianimazione cardiopolmonare, ma soprattutto con l’uso del defibrillatore. Così, le strade della città diventano cardioprotette. Il Rotary, insieme al socio rotariano Michele Lucente, ha deciso anche di formare 30 cittadini delle attività commerciali coinvolte. Sono stati formati per poter intervenire prontamente. Abbiamo formato molte persone anche al locale ‘L’Insolito’ sul lungomare. Non voglio fare pubblicità, ma lo meritano perché hanno aderito prontamente con 10 dipendenti per l’uso del defibrillatore. Nel locale, solo qualche giorno fa, un cliente è stato salvato da un arresto cardiaco grazie all’intervento del figlio, infermiere del 118. Senza il defibrillatore, oggi non avremmo la stessa opportunità di salvare vite.”

L’iniziativa del Rotary Club, sostenuta da varie entità locali, rappresenta un importante passo avanti per la sicurezza e la salute della comunità di Crotone, dimostrando quanto la collaborazione tra istituzioni, privati e associazioni possa portare benefici tangibili per tutti i cittadini.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top