Crotone ricorda Pagos: Una targa per l’artista della città

fonte: WeSud

In un’atmosfera di commozione e riconoscenza, Crotone ha reso omaggio a Pietro Agostinelli, meglio conosciuto come Pagos, con la scopertura di una targa commemorativa all’ingresso della sua abitazione natale in via Garibaldi 3. L’evento, svoltosi nel cuore del centro storico di Crotone, ha visto la partecipazione di numerosi cittadini, amici e familiari, ed è stato aperto dalle parole toccanti di Antonio Arcuri, presidente della Fondazione Santa Critelli: “Pagos è nato nel cuore della città: rappresentava il castello, rappresentava il centro storico di Crotone”.

L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Santa Critelli, dal Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (Meic) e dall’associazione ‘Nuji i subba u casteddru’, è stata organizzata per ricordare l’artista crotonese scomparso il 26 settembre 2023. Tra i presenti alla cerimonia vi erano Sabina Pina Broccoletti, Domenico, Annalisa e Riziero Agostinelli, familiari di Pietro Agostinelli, che hanno vissuto con emozione questo momento significativo.

“Pagos va ricordato perché è stato ed è l’artista della città, della collettività. Non appartiene alla famiglia ma ai crotonesi. Chi è artista deve essere tutelato, perché gli artisti soffrono e quando si esprimono danno l’anima. Qualsiasi forma di arte va tutelata e la cultura è la forma più alta che può avere uno stato civile. Oggi istituzioni ed arte sono qui a tutelare Pagos come artista,” ha dichiarato Arcuri durante la cerimonia.

Tra le personalità presenti, l’assessore alla cultura del Comune di Crotone, Nicola Corigliano, il maestro orafo Michele Affidato, Lucia Bellassai del Meic, e i componenti del gruppo ‘Nuji i subba u casteddru’ Antero Villaverde, Pino Perri e Roberto Trevisi. Le note della banda musicale Città di Crotone hanno allietato la cerimonia, aggiungendo un tocco di solennità all’evento.

Michele Affidato ha ricordato con affetto il suo rapporto con Pagos, raccontando di quando da bambino viveva nella stessa via dell’artista. Roberto Trevisi ha sottolineato l’importanza della scoperta dell’arte pittorica di Pagos, mentre Lucia Bellassai ha evidenziato l’impegno sociale dell’artista, noto per i suoi interventi appassionati a favore della verità e giustizia e per l’attenzione verso i più fragili. L’assessore Corigliano ha ribadito il valore dei messaggi lanciati da Pagos attraverso le sue opere letterarie e pittoriche.

Pagos, con la sua arte, ha lasciato un segno indelebile nella comunità di Crotone. La targa commemorativa rappresenta non solo un omaggio alla sua memoria, ma anche un impegno a preservare e promuovere la cultura e l’arte come strumenti fondamentali di coesione sociale e crescita collettiva.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top