Discarica di Giammiglione, sale la preoccupazione ma Voce frena: “E’ una bufala”

fonte: CrotoneNews

Torna a far discutere l’ipotesi della realizzazione di una mega discarica in località Giammiglione. “La ripresa del progetto della discarica di località Giammiglione, a Crotone – sostiene Daniele Gualtieri, della Cisl Magna Grecia –  all’ordine del giorno della Conferenza dei servizi convocata per il prossimo 26 giugno, rischia di rappresentare una sconfitta per l’intero territorio. Sono confermati i motivi di preoccupazione che, come organizzazioni sindacali, avevamo rappresentato al presidente della Regione Roberto Occhiuto, al quale avevamo chiesto un incontro urgente proprio sul tema della bonifica dei siti industriali dismessi di Crotone. Ci aspettiamo ora che il governatore, già a partire dall’incontro con le organizzazioni sindacali regionali, faccia emergere con chiarezza e determinazione la sua contrarietà ad un progetto che mira allo smaltimento di rifiuti tossici e pericolosi oltre che rifiuti solidi urbani. I tempi sono strettissimi, per questo si fa sempre più pressante l’urgenza di un incontro con il presidente Occhiuto sulla vertenza Crotone, perché tutte le forze istituzionali e sociali del territorio ritornino a fare fronte comune contro una iniziativa che rischia di colpire ulteriormente un territorio che deve sviluppare le sue potenzialità turistiche e produttive, non essere trasformato nella discarica in cui smaltire i veleni provenienti da ogni parte del mondo». E’ quanto afferma Daniele Gualtieri, segretario generale della Cisl Magna Grecia di Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia”.

Sulla propria pagina facebook, invece, è intervenuto il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce: “Ma chi l’ha detto? Dove sta scritto? Che Maio torni alla carica per realizzare la mega discarica di Giammiglione non è una novità. Sono vent’anni che ci prova. Pensare che il Ministero stia riaprendo la partita della discarica di Giammiglione è una bufala. Per adesso la Regione ha bocciato questa ipotesi. E questo è il risultato ufficiale ottenuto grazie alla ferma opposizione degli enti locali. Soprattutto il 26 giugno non si discuterà della discarica. Non è all’ODG.

Purtroppo il POB FASE 2 è in una fase di stallo che non si sbloccherà nemmeno con una interrogazione parlamentare, fatta da una rappresentante del M5S che non conosce il lavoro fatto dagli enti locali nelle CdS. Quel movimento che vorrei ricordare esprimeva il Ministro Costa, quando venne approvato il POB FASE 2. Allora decisero di lasciare i veleni sul sito industriale definitivamente e oggi vengono a versare lacrime di coccodrillo. Non ne abbiamo bisogno!”.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top