Emilio Errigo: Bonifica e rilancio di Crotone e Saline Joniche, opportunità per il Sud Italia

fonte: WeSud

Il generale Emilio Errigo, Commissario Straordinario per la bonifica del SIN Crotone, delinea – attraverso un lungo comunicato stampa –  una visione ottimistica per il rilancio economico e sociale di Crotone e Saline Joniche, due aree ex industriali in Calabria.

“Da Crotone, dal suo territorio e mare, partirà il vero sviluppo economico e sociale del Sud Italia!” afferma Errigo. Le opere di bonifica e riqualificazione ambientale, già in parte finanziate e pianificate, sono cruciali per il futuro della regione. Questi interventi includono la bonifica delle aree contaminate, la riqualificazione delle acque di falda, la messa in sicurezza dei sedimenti portuali e il miglioramento delle infrastrutture. L’obiettivo è trasformare queste zone in centri di forza produttiva, favorendo lo sviluppo economico e creando nuove opportunità di lavoro.

Errigo sottolinea che Crotone, con la sua storia e posizione strategica, ha il potenziale per diventare un centro di forza produttiva e benessere per il Meridione. La città, oggi degradata, può essere valorizzata grazie agli sforzi congiunti dello Stato e delle multinazionali proprietarie delle aree. Similmente, Saline Joniche, con le sue infrastrutture abbandonate, richiede interventi urgenti per la bonifica e la rigenerazione. Le Officine Grandi Riparazioni e il porto industriale di Saline Joniche, oggi inutilizzati e in stato di abbandono, rappresentano un esempio di come una cattiva gestione possa danneggiare il territorio. Tuttavia, queste strutture possono essere recuperate e riqualificate per promuovere lo sviluppo economico.

Il commissario Errigo evidenzia che la crescita economica delle due aree sarà intensa e che, con il giusto supporto, potranno competere a livello internazionale. Le risorse energetiche, la biodiversità e le infrastrutture migliorate renderanno Crotone una realtà economica pronta per il mercato euro-mediterraneo entro il 2030. La città, situata in un contesto ambientale oggi degradato ma recuperabile, può beneficiare delle risorse rinnovabili e non, delle reti viarie intermodali sostenibili, e delle crescenti capacità ricettive portuali e retroportuali. Inoltre, la presenza dell’Area Marina Protetta di Isola Capo Rizzuto, una delle più grandi e ricche di biodiversità d’Europa, rappresenta un ulteriore punto di forza.

Per Errigo, è fondamentale credere nel potenziale di queste aree e lavorare insieme per un futuro migliore. Le azioni amministrative necessarie per la bonifica e la riparazione del danno ambientale sono in avanzato stato di risoluzione grazie alla volontà dello Stato e del Governo, che hanno cercato di favorire l’unione di intenti delle forze economiche industriali e imprenditoriali. Con la collaborazione di tutte le istituzioni coinvolte, è possibile creare le condizioni per un rilancio economico duraturo e sostenibile.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top