Giornata mondiale del rifugiato: il 5 luglio a Isola di Capo Rizzuto presentazione del progetto SAI

fonte: WeSud

Condivisione di esperienze, dialogo interculturale e partecipazione attiva sono gli elementi che hanno reso il laboratorio GREST “Il bambino con i fiori nei capelli” un’attività di rilievo nel territorio crotonese, che verrà presentata il 5 luglio alle ore 17,30 ad Isola di Capo Rizzuto. L’attività laboratoriale che si è svolta dal 17 al 20 giugno ha visto la partecipazione di circa 250 minori di età compresa tra i 6 e gli 11 anni che, nel corso delle attività, hanno operato una profonda riflessione sulle fragilità umane individuando i valori fondamentali della storia quali il prendersi cura di sé e dell’altro, l’amicizia e la fratellanza.
Nell’ambito del percorso di sensibilizzazione “Empowerment familiare” , infatti, promosso dalla Provincia di Crotone, ente titolare del progetto Sistema di Accoglienza Integrata (SAI), e dagli enti attuatori – le cooperative sociali ONLUS, Agorà Kroton, Baobab, Kroton Community, Orizzonti Nuovi e l’Associazione Prociv Arci Isola di Capo Rizzuto hanno proposto e realizzato nei GREST, organizzati dalle parrocchie di S. Chiara e S. Rita di Crotone, parrocchia dell’Assunta di Isola di Capo Rizzuto e parrocchia SS Trinità – SS Salvatore ‘Gruppo Giovani’ di Belvedere di Spinello, il laboratorio “Il bambino con i fiori nei capelli” .
L’esperienza nei GREST – che si colloca nel calendario della ricorrenza annuale della “Giornata mondiale del rifugiato 2024” celebrata il 20 giugno – verrà presentata venerdì 5 luglio alle ore 17:30 a Isola di Capo Rizzuto- Anfiteatro Capo Rizzuto in piazza del Santuario con un evento dal titolo “Storie di attenzioni, di piccoli gesti quotidiani”. “È proprio il 20 giugno – dichiara il Consigliere Provinciale Raffaele Gareri, con delega all’immigrazione – il giorno dell’approvazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1951, della Convenzione relativa allo status dei rifugiati. A settantacinque anni di distanza e in un momento drammatico come quello di oggi, celebrare questa giornata vuol dire innanzitutto riaffermare i principi alla base degli accordi internazionali e affrontare la realtà della crisi che stiamo vivendo in Europa e nel mondo”. L’iniziativa, apprezzata ed accolta dal Presidente della Provincia di Crotone, Sergio Ferrari mira a favorire l’integrazione in contesti delicati e, tal proposito, il Presidente ha dichiarato: “Una giornata come quella del Rifugiato diventa un faro su una questione importante che coinvolge l’Europa e tutto il mondo e promuove la ricerca di soluzioni affinché i popoli migranti possano ricostruirsi un futuro e una dignità. Bisogna lavorare insieme per un mondo che accoglie le persone rifugiate e valorizza i loro punti di forza”.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top