Il 27 giugno Crotone si ferma: Serrata dei negozianti a sostegno dei dipendenti della Abramo C C

fonte: WeSud

Giovedì 27 giugno, le attività commerciali cittadine chiuderanno dalle ore 12:00 per sostenere i dipendenti della Abramo Customer Care (CC), impegnati in una difficile battaglia per salvaguardare i propri posti di lavoro.

Da due giorni, i dipendenti della Abramo CC sono riuniti in assemblea permanente nell’aula consiliare del Comune, determinati a mantenere alta l’attenzione sulla loro vertenza. La richiesta è chiara: l’istituzione di un tavolo di crisi ministeriale immediato per affrontare una situazione occupazionale che minaccia 1.000 posti di lavoro in Calabria, di cui oltre la metà a Crotone.

La solidarietà arriva forte anche dalle associazioni di categoria. Questa mattina, il presidente di Confcommercio Crotone, Antonio Casillo, e la presidente dell’Associazione Terziario Donne di Crotone, Cristina Perri, hanno partecipato all’assemblea dei lavoratori, portando il sostegno di tutti i commercianti della città.

“Le associazioni hanno espresso massima solidarietà per la nostra vicenda e ci hanno confermato tutta la disponibilità e vicinanza su ogni azione che verrà messa in campo”, si legge in una nota dei dipendenti Abramo CC.

Il prossimo passo sarà la serrata cittadina prevista per giovedì 27 giugno. I negozi chiuderanno dalle ore 12:00, mentre i dipendenti Abramo organizzeranno un presidio presso la piazza del Comune. Questo gesto vuole sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’impatto devastante che la chiusura della Abramo CC avrebbe sull’economia locale e sulle vite di 600 famiglie crotonesi.

I lavoratori Abramo CC, attraverso la loro nota, hanno rivolto un appello a tutte le istituzioni del territorio, invitando il Sindaco, i Consiglieri, gli Assessori, il Presidente della Provincia e i Parlamentari calabresi a partecipare alla manifestazione di giovedì. In particolare, è stata richiesta la presenza del Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, che ha già dimostrato vicinanza e supporto nella vertenza.

La situazione è critica e i lavoratori, preoccupati per il loro futuro occupazionale, chiedono interventi immediati e concreti. La fine della Cassa Integrazione lascia un’incertezza insostenibile sulle prospettive lavorative di molti, e la convocazione di un tavolo ministeriale appare come una necessità impellente per discutere soluzioni fattibili e durature. La chiusura della Abramo CC rappresenterebbe una catastrofe economica per Crotone, con ripercussioni gravissime su un tessuto sociale già fragile.

“Ci aspettiamo ed auguriamo la presenza di tutte le Istituzioni del nostro territorio, e soprattutto invitiamo alla partecipazione tutta la cittadinanza”, scrivono i dipendenti Abramo CC. L’obiettivo è far sentire forte la voce di una comunità che non vuole arrendersi e che lotta unita per un futuro migliore.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top