WWF Crotone: Scoperto il primo nido di tartaruga marina della stagione

fonte: WeSud

Il WWF di Crotone ha annunciato con entusiasmo la scoperta del primo nido di tartaruga marina della stagione, segnando un momento di grande importanza per la biodiversità locale e per gli sforzi di conservazione nella regione.

La scoperta è avvenuta grazie a una squadra multiculturale composta da volontari provenienti da diverse parti del mondo: due volontari vietnamiti, due volontari cechi, una ragazza del Trentino e una romana. La squadra è stata guidata dal Prof. Silvio Cimbalo e dal veterano Prof. Paolo Asteriti, entrambi noti per il loro impegno nella tutela delle tartarughe marine. Il nido è stato individuato grazie alla segnalazione del Signor Varano, un pescatore locale appassionato del mare, che ha notato le tracce sulla spiaggia.

A causa della vicinanza del nido alla riva, si è reso necessario il suo trasferimento in una posizione più sicura. Tuttavia, data l’ubicazione isolata del nuovo sito, il nido non verrà recintato. Il WWF Crotone monitorerà costantemente il nido fino alla schiusa, prevista tra 45 e 50 giorni, per garantire la sicurezza delle uova e dei futuri piccoli.

Un aspetto particolarmente interessante emerso durante la traslocazione del nido è stato il ritrovamento di tre uova anomale di dimensioni più piccole. Gli esperti ritengono che queste uova possano appartenere a una giovane tartaruga marina alla sua prima nidiata. Questo dato è particolarmente incoraggiante, poiché indica che le tartarughe marine stanno scegliendo sempre più frequentemente le coste di Crotone come luogo di nidificazione.

“La scoperta di questo nido è un segnale positivo per l’ecosistema marino locale e testimonia l’importanza delle nostre attività di monitoraggio e conservazione”, ha dichiarato il Prof. Cimbalo. “Le tartarughe marine sono specie vulnerabili e ogni nido rappresenta un passo avanti nella loro protezione.”

Il WWF Crotone continua a lavorare instancabilmente per proteggere le tartarughe marine e il loro habitat, collaborando con le comunità locali e sensibilizzando il pubblico sull’importanza della conservazione marina. La scoperta di questo nido è un successo condiviso che sottolinea l’importanza della collaborazione e dell’impegno collettivo nella tutela della natura.

In attesa della schiusa delle uova, la comunità locale e gli ambientalisti guardano con speranza e orgoglio al futuro, pronti a sostenere ogni nuovo passo verso la conservazione delle tartarughe marine.

Cosa ti interessa?

Esplora alcuni dei migliori consigli da tutta la città da parte dei nostri partner

To top